Archivi tag: Veneto

La rubrica del borgo. Arquà Petrarca: il luogo che rende omaggio al celebre poeta

Arquà Petrarca è un paesino veneto in provincia di Padova, chiamato così per omaggiare il grande Francesco Petrarca, che visse qui gli ultimi anni della sua esistenza.

Il poeta conobbe il borgo nel 1364 quando per curarsi dalla scabbia si spostò nella vicina Abano Terme, e cinque anni dopo Francesco il Vecchio gli cedette un terreno proprio ad Arquà. Petrarca si trasferì definitivamente in paese nel marzo del 1370. Egli, in un documento che ora è conservato nel Museo Civico di Padova, definì il luogo con la seguente frase:

”Il mio secondo Elicona”.

Lo scrittore compie un’associazione con l’Elicona, il monte della Beozia sacro ad Apollo e simbolo della poesia. Ad avvicinare il grande letterato alla nuova abitazione c’erano sicuramente i silenzi e la natura che lo riportavano alla sua terra natia, la Toscana.

Risultato immagini per petrarca
Raffigurazione di Francesco Petrarca. (Arezzo, 20 luglio 1304 – Arquà, 19 luglio 1374).

Arquà si articola intorno alla centrale piazza Roma, dove si affaccia l’edifico più importante, ovvero il palazzo Contarini. Altra struttura di rilievo è la chiesa arcipretale di Santa Maria Assunta, di poco posteriore all’anno Mille, ampliata e impreziosita da un complesso pittorico dal gusto bizantino fino all’influsso di Giotto: di particolare interesse è la tela di Palma il Giovane, “L’Assunta“.

Risultato immagini per palazzo contarini aruà
Palazzo Contarini ad Arquà.

Al centro del sagrato sorge l’arca in marmo rosso di Verona contenente le spoglie del Petrarca, eretta nel 1370. Nella strada che conduce a valle, al di sotto del sagrato, è presente una fontana con lavatoi detta “del Petrarca”, la cui costruzione è stata attribuita al poeta stesso, anche se la fattura risulta duecentesca.

Risultato immagini per SPOGLIE DI PETRARCA
Tomba di Petrarca.

Cosimo Guarini per L’isola di Omero

Carnevale di Venezia 2019. Arriva l’atteso evento: il ”Ballo del Doge”

Il Carnevale Veneziano durerà dal 16 febbraio al 5 marzo 2019. Sono previsti 150 eventi con circa 300 artisti impegnati nell’intento di allietare il pubblico.


Le grandi sfilate partiranno e si concluderanno da Piazza San Marco. Esse andranno avanti praticamente ogni giorno fino alla fine del Carnevale.

Tra tutti gli eventi spicca quello intitolato Ballo del Doge, che si terrà il 2 marzo presso il settecentesco Palazzo Pisani Moretta. Sarà dedicato ai temi del Sogno, della Follia e del Peccato, a cui saranno dedicati allestimenti, coreografie, esibizioni di artisti che andranno avanti fino a tarda notte.