Archivi categoria: Società contemporanea

Noi esseri umani, un granello di sabbia su una spiaggia interminabile

A volte la vita ci dimostra quanto siamo piccoli davanti alle circostanze che possono accadere. Pensate ad un uomo che ha una casa, una famiglia, degli affetti, e che dopo aver subito la forza devastante di un terremoto perde tutto.

Siamo pronti a perdere ciò che abbiamo?

Ci riferiamo non solo agli oggetti materiali, ma anche ai legami personali o addirittura alla libertà.

In Italia, come anche nel resto del mondo occidentale, dalla fine della seconda guerra mondiale viviamo una condizione di agi, che sicuramente ci ha ammorbidito e che ha reso più difficoltosa la nostra reazione ad eventi che non possiamo controllare. Entriamo in panico se si rompe il cellulare, perché la nostra vita è spesso legata a questo oggetto, figuriamoci se ci fossimo trovati al posto dei poveri siriani che da anni vivono una situazione drammatica.

Ma quando un problema è apparentemente lontano, esso non può intaccarci perché non ci tange minimamente. Un’idea al quanto stupida se si pensa che in un mondo globalizzato da anni, almeno per la parte ”più evoluta”, ogni singolo individuo di ogni singolo Stato entra in connessione, e dunque le uniche soluzioni sono la pace ed il bene comune.

Risultato immagini per viandante sul mare di nebbia

Ma il bene del singolo è realmente anche il bene comune?

Il fatto di risiedere in un posto tranquillo influenza ”la massa” tanto da indurre i più approssimativi a non rispettare le regole elementari del vivere in società. Finché le cose vanno bene ci si nasconde dietro agli altri, che invece faticano pur di risultare adatti ad un determinato protocollo. Poi quando vanno male, e ci troviamo nelle condizioni di dover attenerci a delle prescrizioni legislative per il bene della collettività, come nel caso del Coronavirus, tendiamo a far fatica. Non comprendiamo che quelle stesse leggi che infrangiamo servono per garantire il nostro benessere, prima ancora che quello degli altri.

Durante le epidemie ci rechiamo ai supermercati per accaparrarci le primizie migliori in quantità industriali, non curanti del fatto che esiste gente che non può acquistare del cibo nemmeno per un giorno; piangiamo i morti dopo il crollo di un edificio non costruito a norma, figlio di un sistema alimentato da noi stessi.

Ci affanniamo per costruire o ricercare la ricchezza anche con metodi inadeguati e scorretti. Per molti lo scopo della propria vita è quello di curare l’apparenza e il modo con cui gli altri ci percepiscono, più che pensare ad essere persone corrette prima di tutto con noi stessi. La realtà è che proviamo a realizzare solo ciò che reputiamo controllabile e ben definito. Una volta che tutto esce fuori dai nostri schemi ci sentiamo persi. Il problema è che questa eventualità è più probabile di quanto possa sembrare. Basta poco per essere spazzati, come un granello di sabbia portato via dal vento che si alza all’improvviso.

La soluzione è pensare che forse la nostra piccolezza di esseri umani nei confronti dell’esistenza in realtà ci fornisce un alibi per sentirci parte di una collettività. Perché se si sta più vicini rispettando le regole si può reagire meglio alle intemperie del mondo, e allora il bene comune diventa il bene del singolo.

Cosimo Guarini per L’isola di Omero

A Bagdad: l’uomo che trasforma un kalashnikov in uno strumento musicale

Majed Abdennour è un insegnante di Bagdad, la capitale irachena, che ha trasformato un fucile d’assalto sovietico Ak-47 in un caratteristico strumento musicale.

Risultati immagini per Majed Abdennour
Lo strumento musicale in primo piano e il suo creatore sullo sfondo.

L’uomo possedeva un fucile per proteggere la sua famiglia. Bisogna considerare, infatti, che tra il 2006 e il 2008 Bagdad ha pagato con il sangue la forte divisione tra sunniti e sciiti.

Quando Majed ha deciso di trasformare il kalashnikov, la musica si è elevata a simbolo di armonia e tranquillità. È la dimostrazione di come si possa voltare pagina con impegno, dedizione e fantasia; di come dalla guerra si possa arrivare alla pace.

Cosimo Guarini per L’isola di Omero