Il Palazzo Blu di Pisa è la location di una esposizione dedicata alla corrente artististica dei Macchiaioli. L’evento, inaugurato l’8 ottobre 2022, sarà disponibile fino al 26 febbraio 2023.

Sono ben 120 le opere interessate nella mostra, prodotta e organizzata da Fondazione Palazzo Blu e MondoMostre, con il contributo di Fondazione Pisa.

Si tratta di capolavori provenienti da collezioni private, solitamente inaccessibili, e da importanti istituzioni museali: le Gallerie degli Uffizi di Firenze, il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano; la Galleria d’Arte Moderna – Musei di Genova Nervi e la Galleria Nazionale d’arte Moderna e Contemporanea di Roma.

L’evento è curato da Francesca Dini, storica dell’arte ed esperta tra le più autorevoli di questo movimento.

I macchiaioli

Si tratta di un gruppo di artisti – attivi principalmente in Toscana – nella seconda metà dell’800.

Formatosi a Firenze a partire dal 1855, nascono in contrapposizione al formalismo delle Accademie.

I Macchiaiolo seguivano “la teoria della macchia’’: la visione delle forme sarebbe creata dalla luce attraverso macchie di colore, distinte, accostate e sovrapposte ad altre.

Tali artisti si ritrovavano nel Caffè Michelangelo del capoluogo toscano. Quidiscutevano e riflettevano su tutte le tematiche artistiche. Tra i maggiori esponenti della corrente c’erano Giovanni Fattori, Silvestro Lega e Telemaco Signorini