GIALLO, ROSSO, BLU: COME CAPIRE L’OPERA DI KANDINSKIJ

Cosa sono i colori per Vasilij Kandinskij ?

Quante volte ti è capitato di osservare un quadro di questo famoso pittore russo ma di non capire il significato delle sue composizioni?

Kandinskij è infatti famoso per le eccentriche geometrie, apparentemente prive di senso, intervallate da tonalità di colori che si succedono sul fondo della tela. Non a caso è considerato esponente di spicco dell’Astrattismo.

 Vasilij Kandinskij (1866 – 1944)

L’artista in questione, vissuto tra la seconda metà dell’Ottocento e la prima metà del Novecento, pensava che i colori fossero capaci di comunicare attivamente con gli osservatori di un’opera, suscitando in essi sensazioni differenti.

Egli era convinto che nell’ossevatore si instaurassero due tipi di reazioni: una fisica, provocata dall’attrazione del suo occhio da un colore piuttosto che da un altro; ed una psichica prodotta dalla vibrazione dello spirito che il colore determina quando incontra l’anima.


Kandinskij sperava, inoltre, che i suoi dipinti oltre ad essere visti potessero anche essere ascoltati; la sua aspirazione era quella di associare la pittura ad una “composizione musicale”.

Risultato immagini per giallo rosso blu kandinsky
Giallo, rosso, blu (1925) di Vasilij Vasil’evič Kandinskij, Centre national d’art et de culture Georges Pompidou, Parigi.

Esempio dell’astrattismo di Kandinskij è il quadro Giallo, rosso, blu, olio su tela (127×200 cm) realizzato nel 1925 e conservato presso il Centre Pompidou di Parigi.

Nell’opera il giallo e il blu sono associati rispettivamente a forme acute e ad andamenti curvilinei; si contrappongono al rosso che, disposto entro forme rettangolari, emerge nella parte centrale del quadro. La combinazione di elementi visivi semplici determina nell’opera effetti di dinamismo e di spazialità.

La zona gialla è dominata da segni grafici che formano il profilo stilizzato di un uomo. Capovolgendo l’opera, gli stessi segni danno vita al muso di un gatto. A destra poi, dopo la zona rossa e quella blu, troviamo una linea nera molto marcata di forma serpentinante che, in qualche modo, “chiude” l’intero quadro.

Risultato immagini per giallo rosso blu kandinsky particolare
Particolare ”zona gialla” del dipinto.

Parlando di quest’opera lo stesso Kandinskij scrisse:

Giallo e blu in rapporto al rosso. Il Sole e la Luna si evitano e si ritrovano come avviene tra il giorno e la notte, l’aurora e il tramonto. Nascita misteriosa del rosso dalla tendenza simultanea all’allontanamento e all’ascensione del giallo e del blu.

Proprio come Mozart vedeva il colore nelle note, il pittore russo da sfogo alle sue emozioni ,scrivendo sulla tela melodie colorate che hanno fatto innamorare tutti gli amanti d’arte, che ancora oggicercano di tradurre alla lettera la lirica del pentagramma.

Cosimo Guarini per L’isola di Omero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...