chiostro maiolicato napoli

Chiostro maiolicato di Santa Chiara: il fascino settecentesco di Napoli

Il chiostro maiolicato, ideato nel 1739 da Domenico Antonio Vaccaro, è uno dei quattro chiostri monumentali che compongono il Monastero di Santa Chiara a Napoli.

L’opera fece parte di una serie di lavori di ammodernamento dell’intera struttura. Questi furono possibili attraverso le donazioni delle famiglie aristocratiche e mediante l’essenziale l’intervento della badessa Ippolita di Carmignano. Nonostante ciò, una grossa parte dei fondi provennero dalla regina Maria Amalia di Sassonia, moglie di Carlo III di Borbone.

Risultato immagini per chiostro maiolicato napoli"

Le dimensioni del chiostro sono di 82,3 m × 78,3 m. Lungo il porticato vi sono 72 pilastri di varia grandezza e di forma ottagonale sormontati da archi a sesto acuto con volte a crociera, di cui 17 al lato nord e 16 lungo i restanti lati. Alle pareti sono presenti cicli di affreschi barocchi di ignoto autore su Storie francescane.

Il chiostro è attraversato da due viali in croce che dividono il giardino. Il tutto rivestito da maioliche con PaesaggiScene campestriMascherateScene mitologiche, e rappresentazioni di scene di vita quotidiana della Napoli del ‘600 e del ‘700. Sono evidenti anche le allegorie che rimandano ai quattro elementi: terra, aria, fuoco e acqua.

Cosimo Guarini per L’isola di Omero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...