Le Metamorfosi di Ovidio: l’infinita suggestione del mito

Le Metamorfosi di Ovidio può considerarsi il romanzo della mitologia, un sontuoso arazzo di favole e leggende del mondo antico, accomunate dal tema della trasformazione di figure del mito in piante, animali, fonti, astri, che delinea una storia del genere umano e un’inedita enciclopedia della natura. 

Apollo e Dafne, G.L. Bernini.

Dallo struggente racconto di Venere ed Adone, a quello di Eco e Narciso. Ma anche il racconto di Ganimede, rapito da Giove perché diventasse il coppiere degli Dei, o quello di Dafne, la ninfa che si trasformò in un albero di alloro pur di sfuggire alle brame di Apollo e che Bernini rese eterna in una delle sue sculture più celebri.

In foto il libro de Le Metamorfosi.

Acquista Le Metamorfosi di Ovidio a prezzo scontato cliccando sul seguente link: https://amzn.to/2OdA7gV

Le Metamorfosi di Ovidio si compongono di 15 libri e furono scritte tra il 2 e l’8 d.C. Un libro straordinario che ha influenzato tutta la letteratura successiva, ma che all’epoca, insieme all’Ars amatoria, costarono caro al poeta di Sulmona. 

L’imperatore Augusto, infatti, nell’8 d.C. condannò Ovidio alla relegatio, una sorta di esilio nell’odierna Romania dove il poeta scriverà la sua ultima opera, i Trista. Ovidio, a detta del moralista Augusto, aveva con le sue opere offeso la religione e i costumi di Roma, offrendo modelli pericolosi e inaccettabili.

Pallade e Aracne, Rubens.

Ma la relegatio non affossò la poesia di Ovidio e, tanto meno il suo capolavoro, Le Metamorfosi, che, come, vaticinato dallo stesso autore, «né l’ira di Giove, né il fuoco o il ferro e il tempo che tutto corrode, potranno distruggere». Le Metamorfosi, infatti, saranno lette da tutti portando a ogni latitudine «l’eterna fama» di Ovidio. La bellezza di questa opera, che i monaci amanuensi trascrissero salvandola dall’oblio, sta nella forza unica della poesia di Ovidio, nell’unicità dei miti raccontati, nel succedersi serrato del racconto, nelle vivide immagini narrate. 

Rosa Araneo per L’isola di Omero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...