La Sacra Sindone: tra leggenda religiosa e realtà

La Sacra Sindone, ossia il lenzuolo funerario di lino che avvolse il corpo di Cristo secondo la religione cristiana, rappresenta uno dei grandi misteri di quest’ultima, anche se non vi è testimonianza alcuna sulla sua autenticità.

Immagine correlata

Conservata nel Duomo di Torino e periodicamente viene esposta ai fedeli, la Sindone non è altro che un lenzuolo rettangolare a trama di spina di pesce (peculiare tessitura di duemila anni fa circa) di colore giallo ocra. Secondo studi accreditati, la Reliquia dovrebbe risalire al I secolo e provenire dalla Palestina, ne sono testimoni i pollini di diverse specie vegetali, tipicamente indigene, ritrovati nelle fibre del lino. Quel che rende davvero particolare e ‘’leggendario’’ questo lenzuolo sono le immagini riportate sulla tela: una doppia “fotografia”, lato frontale e posteriore, di un corpo umano nudo di grandezza naturale, reperto che avvalora l’ipotesi che lì vi sia stato avvolto Cristo.

Risultati immagini per sacra sindone

Ciò che mette in dubbio la sua autenticità però è proprio la proiezione della figura umana, che non potrebbe essere ottenuta avvolgendo un corpo qualsiasi in un lenzuolo. Difatti, se da una parte, sono evidenti i segni delle torture subite: i tagli su costato, le ferite ai polsi e la piaga causata dallo sfregamento di una grossa trave di legno portata a spalle, dall’altra, l’esame del carbonio 14, eseguito nel 1988, ha permesso di datare il lenzuolo tra il 1260 e il 1390. Nelle ultime analisi però, la datazione potrebbe risultare falsata dal prelievo dei campioni analizzati poiché potrebbero essere stati presi da parti rammendate dopo l’incendio del 1532 a Chambéry, luogo dov’era anticamente custodita la Sindone.

Circa il suo culto, la Chiesa non si è mai espressa apertamente ma, nel corso dei secoli, alcuni gesti hanno chiaramente delineato una presa di posizione, nel 1506, il Papa Giulio II ne autorizzò il culto, mentre Giovanni Paolo II e Pio XI dichiararono di credere nell’autenticità del lenzuolo.

Risultati immagini per sacra sindone

Sulla Sindone, non si sono espressi solo religiosi e archeologi ma anche docenti e restauratori, avanzando ipotesi successivamente smentite sia per le datazioni che per le tecniche adoperate nella realizzazione della stessa. Ne sono esempio: Lillian Schwartz, docente alla “School of Visual Arts” di New York, che attraverso la raffigurazione grafica, ha supposto, un esperimento di Leonardo da Vinci e il pittore e restauratore veneto, Luciano Buso, il quale ha invece affermato la presenza della firma di Giotto con annessa data 1315.

Resta comunque il fatto che da tutto il mondo, miliardi di fedeli accorrono nel momento dell’ostensione della Reliquia, smentendone con la forza della fede ogni dubbio e ipotesi.

Antonella Buttazzo per L’Isola di Omero

1 commento su “La Sacra Sindone: tra leggenda religiosa e realtà”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...