Venezia ospita “Building Bridges”, la nuova installazione di Lorenzo Quinn

L’artista Lorenzo Quinn ha arricchito Venezia con un’opera dal profondo significato, situata presso l’Arsenale Nord della città.

L’installazione è composta da sei gigantesche coppie di mani, alte ben 15 metri e lunghe 20.

image
Vista angolata di Building Bridges (Lorenzo Quinn)

L’idea dell’artista è stata di promuovere la volontà e la necessità di superare qualsiasi forma di diversità presente in ogni ambito della vita: sia essa una differenza geografica, fisica, culturale o emotiva.

Si tratta di un messaggio profondo, che trova in un ”ponte artistico” lo strumento utile a collegare i pensieri, le anime e i cuori degli osservatori. Non a caso l’opera è stata chiamata Building Bridges (2019).

Un’altra opera di Lorenzo Quinn tratta dalla pagina Facebook ”L’isola di Omero

Non è la prima realizzazione di Quinn a Venezia. Nel 2017, infatti, egli ha
 aveva installato delle altre mani (nella foto sottostante) “ a sostegno” di un palazzo vicino alla Ca’ d’Oro, sul Canal Grande. In quel caso il senso del suo lavoro era votato a sottolineare il ruolo di Venezia come città d’arte eterna e al contempo fragile, tanto da aver bisogno del ”sostegno” di tutti, essendo minacciata dai cambiamenti climatici.

Lorenzo Quinn, “Support”

Cosimo Guarini per L’isola di Omero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...