Giacomo Leopardi a Recanti: l’origine cristallina dell’Infinito

L’infinito è una lirica scritta da Giacomo Leopardi, uno dei principali autori della letteratura italiana.

La stesura definitiva risale al 1818/19, quando il poeta risiedeva nella sua città natale: Recanati.

I luoghi della giovinezza hanno significato tanto per lo scrittore. Una fanciullezza segnata dallo ”studio matto e disperatissimo” sotto il controllo del padre Monaldo.

Una saluta cagionevole già dall’infanzia, l’amicizia con il grande Pietro Giordani, ed un talento innato hanno contribuito a formare un fine intellettuale capace di segnare la storia culturale d’Italia.

Un intellettuale che a Recanati è riuscito a volare fino all’Infinito per scrivere la seguente opera:

«Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quïete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’è dolce in questo mare.»

Il secondo manoscritto autografo

Cosimo Guarini per L’isola di Omero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...